Riusciremo a salvare l’affresco della loggia?

0

Il giorno 10 marzo siamo stati invitati come Associazione La Quarta Luna ad un incontro con l’assessore Bonfaini, il tecnico dell’ufficio Lavori Pubblici geom. Turci e il comitato “Noi, che… villa Zamboni”. Il tema di questo incontro era discutere con i progettisti che stanno eseguendo il progetto preliminare sulla villa. Alla nostra richiesta sulle decisioni prese per salvare l’affresco, ci siamo sentiti ancora una volta rispondere che le difficoltà riguardano: i soldi, l’iter da seguire presso la soprintendenza, la necessità di avere prima un progetto da presentare a Roma per ottenere i finanziamenti.
Da parte nostra abbiamo ripetuto che: l’affresco ha bisogno di un intervento immediato perché ormai prossimo al collasso, la soprintendenza consente tali interventi d’urgenza tramite semplice segnalazione, vi è la possibilità di un notevole risparmio tramite l’Accademia Cignaroli.

Tralasciando l‘acceso dibattito conseguente a questo tema, alla fine siamo stati invitati a realizzare quanto da noi dichiarato.

Detto fatto, ci siamo attivati pur tra grandi difficoltà, non da ultimo il fatto che si è impedito l’accesso alla villa alle laureande della docente che supporta la nostra richiesta alla Cignaroli, interrompendo, di fatto, un rilievo necessario al ripristino della villa, ma anche i nostri rapporti con l’università.

Impostati i dovuti contatti, abbiamo chiesto il permesso di accedere alla loggia per i necessari sopralluoghi. Il geometra Turci ci ha risposto che tali sopralluoghi sono subordinati alla sua presenza e in funzione alla sua disponibilità.

A questo punto ci chiediamo se vi saranno altri ritardi per mettere in sicurezza l’affresco. La villa è rimasta aperta e accessibile a tutti per settimane, tuttavia accettiamo di buon grado uno chaperon che ci accompagni: speriamo solo che l’attesa non conduca al distacco definitivo del soffitto della loggia, oppure alla fine delle elezioni.

P.F.

Share.

Leave A Reply