Il soprallugo della loggia

0

In seguito all’incontro del giorno 10 marzo, alla presenza dell’assessore ai Lavori Pubblici, del Tecnico del medesimo ufficio, degli architetti incaricati per il progetto preliminare della valorizzazione di villa Zamboni e del comitato Noi, che Villa Zamboni, siamo stati “invitati” ad attivarci per la messa in sicurezza dell’affresco.

Credo che tra persone perbene, la parola valga come uno scritto, sebbene non abbia la stessa ufficialità.
Perciò ci siamo attivati, sia per riprendere i contatti con l’Accademia Cignaroli, sia per approfondire il tema di un intervento a regola d’arte.
Abbiamo così interpellato una ditta di alta specializzazione nel settore, siamo stati accompagnati in un cantiere dove si stanno trattando soffitti affrescati con gli stessi problemi di quello della loggia della “nostra” villa. Devo dire che sono rimasta molto colpita per l’avanzare delle nuove tecnologie che permettono la messa in sicurezza di opere del passato rispettandone la struttura materiale.

In pratica da ieri abbiamo un fascicolo con le modalità di intervento, curriculum della ditta, preventivo dei lavori che verrebbero realizzati con la “semplice” comunicazione alla Soprintendenza, trattandosi comunque di opere di messa in sicurezza.

I soldi? Ci stiamo attivando e siamo quasi certi della copertura dell’operazione che comunque non è particolarmente onerosa.
Alla prossima puntata

Share.

Leave A Reply