L’Arena | 19 marzo 2015 – Giornata a Villa Zamboni

0

Apertura straordinaria Giornata a Villa Zamboni

Le associazioni vogliono farla conoscere ai cittadini E lì torneranno anche gli ex alunni della materna

Far rivedere Villa Zamboni ai tanti che l’hanno frequentata quand’era scuola d’infanzia ma soprattutto farla conoscere a coloro che ne hanno sentito parlare negli ultimi anni senza averla mai vista. È questo l’intento dell’associazione «La Quarta luna» che, in collaborazione con il Comitato «Noi, che…Villa Zamboni», ha organizzato per domenica una giornata di visita in questo prestigioso edificio settecentesco sottostante il castello scaligero e di proprietà del Comune. Di Villa Zamboni, lasciata al Comune dal benefattore Giuseppe Zamboni nel 1932, si parla molto negli ultimi anni dopo che l’attuale amministrazione ha virato verso il progetto Dimore del Demanio che prevede la concessione cinquantennale a dei privati. Diversamente le associazione che si battono per la sua salvaguardia spingono perché sia, almeno parzialmente, mantenuta la sua fruibilità pubblica.
«Per questa riapertura», dichiara Paola Ferrarin, presidente de «La Quarta luna», «ci siamo “ispirati” all’iniziativa delle giornate di primavera del Fai (Fondo ambiente italiano), ma vogliamo soprattutto rispondere ai molti valeggiani che, nel corso degli incontri organizzati (la recente mostra dedicata alla villa e ai suoi committenti, la serata sul restauro), hanno espresso il desiderio di vedere questo luogo di cui si parla tanto e del quale qualcuno ha lontani ricordi per avere frequentato la scuola materna proprio all’interno della villa».
Così le due associazioni che negli ultimi anni si sono battute, anche raccogliendo firme, per la salvaguardia dello storico immobile, hanno deciso, durante l’ultimo incontro pubblico che si tiene mensilmente al grest, di dedicare la prima domenica di primavera ad una visita guidata.
«Anche il prossimo mese», conferma la presidente dell’associazione, «c’incontreremo al grest, probabilmente il 2 aprile, con tutti coloro che hanno a cuore il futuro della villa e che vogliono sentirsi parte attiva nella sua conservazione. Domenica, la villa sarà visitabile all’interno dei gruppi che si formeranno negli orari precisati nella locandina (10,15 e 15,30), sia perché con le visite guidate si conoscerà meglio la storia e lo sviluppo dell’edificio nel tempo, ma perché vi sono soprattutto motivi di sicurezza che impongono attenzione e buonsenso nel partecipare alla visita».

di Alessandro Foroni

link: http://www.larena.it/stories/2598_valeggio/1099708_apertura_straordinaria_giornata_a_villa_zamboni/

Share.

Leave A Reply