Il restauro della loggia di villa Gandini Zamboni. Il pre-consolidamento del soffitto.

0

Determinato il metodo d’intervento per risolvere il problema della decorazione della loggia, il primo passo fu di mettere in sicurezza il soffitto da ulteriori crolli mediante un pre-consolidamento propedeutico anche al successivo e definitivo consolidamento del supporto del dipinto.

L’intervento è stato eseguito previa comunicazione diretta in Soprintendenza ai sensi dell’art. 27 del decreto Legislativo del 22 gennaio 2004 n. 42. Costo dell’intervento € 2958,50 approvato con determina dell’Ufficio Lavori Pubblici n. 47 del 16/04/2014.

Trattandosi di un’emergenza evidente, il Codice dei Beni Culturali prevede una particolare procedura descritta all’articolo 27 del capo II (Protezione e conservazione), sezione I (Misure di protezione):

Articolo 27. Situazioni di urgenza.

Nel caso di assoluta urgenza possono essere effettuati gli interventi provvisori indispensabili per evitare danni al bene tutelato, purché ne sia data immediata comunicazione alla soprintendenza, alla quale sono tempestivamente inviati i progetti degli interventi definitivi per la necessaria autorizzazione.

distacco intonaco

distacco intonaco pavimento

Si è provveduto quindi al lavoro di sostegno al soffitto in pericolo di crolli e alla stesura del progetto di consolidamento definitivo da autorizzare.

Questo primo intervento di messa in sicurezza prevedeva l’applicazione di fasce in legno flessibile di cinque/sei centimetri di larghezza, fissate con viti alle travi del soffitto. Come già accennato, i listelli in legno oltre che a sostegno della superficie dipinta, servivano a renderla complanare: si è trattato quindi di un intervento delicatissimo sia per il risultato che si voleva ottenere che per lo stato dell’intonaco particolarmente friabile per la sua mancanza di coesione.

A questo intervento provvisorio, avrebbe dovuto seguire nel giro di pochi mesi il consolidamento definitivo: questa prima operazione, infatti, se impediva successivi crolli di porzioni del soffitto, non risolveva il grave problema della disgregazione dell’intonaco.

restauratori della ditta Lithos mentre fissano i listelli al soffitto

Restauratori della ditta Lithos mentre fissano i listelli al soffitto

Particolare del soffitto dopo il posizionamento dei listelli

Particolare del soffitto dopo il posizionamento dei listelli

L’intervento è stato eseguito nel maggio 2014, per il consolidamento del supporto si dovuto attendere la fine di novembre 2015.

Il soffitto della loggia come si presentava all'inizio dell'intervento

Il soffitto della loggia come si presentava all’inizio dell’intervento

Ortofoto del soffitto della loggia dopo l'intervento di pre-consolidamento. Arch. Paolo Mariani e geom. Francesco Sasso

Ortofoto del soffitto della loggia dopo l’intervento di pre-consolidamento.
Arch. Paolo Mariani e geom. Francesco Sasso

Share.

Leave A Reply