#SalviamoVillaZamboni: il contributo della scuola

0

Nel nostro progetto per salvare villa Zamboni, si è inserita la scuola secondaria di Valeggio sul Mincio.

Con l’appoggio della dirigente e di alcuni insegnanti, abbiamo proposto due laboratori che, nell’arco della stessa mattinata per un paio di classi, facciano conoscere ai ragazzi un modo particolare di fare arte/artigianato senza danneggiare la natura, anzi, esaltandola.

Alla fine dei laboratori che riguardano le sette sezioni della terza secondaria, i lavori dei ragazzi saranno esposti pubblicamente e messi in vendita tramite un’offerta libera: in questo modo gli studenti contribuiranno anch’essi a finanziare il salvataggio del dipinto della loggia di villa Zamboni.

Il bellissimo dipinto settecentesco che occupa il soffitto della loggia di villa Zamboni

Il bellissimo dipinto settecentesco che occupa il soffitto della loggia di villa Zamboni

Tuttavia, il contribuire al restauro di una parte importante della villa, non è l’unico collegamento con l’edificio e la sua storia. Giuseppe Zamboni, nel suo testamento lasciò la villa ai valeggiani più giovani, ma istituì anche un fondo per finanziare la banda cittadina per incentivare l’amore per la musica e un fondo per mantenere la scuola d’arte finalizzata alle arti applicate, che allora esisteva a Valeggio

Con Marta Ciresa, gli studenti delle classi terze della scuola secondaria, usano l’acquerello vegetale per riprodurre la natura che ci circonda: in questo modo riescono ad osservare meglio e vedere con più attenzione il mondo naturale cercando di trascrivere quanto percepito nel foglio di carta.

Una bellissima esperienza e dei risultati interessanti!

La professoressa Marta Ciresa

La professoressa Marta Ciresa

Prove di acquerello vegetale

Prove di acquerello vegetale

copiare significa vedere meglio

copiare significa vedere meglio

Con Paola Ferrarin si sperimenta invece la tecnica della stampa su tessuto con del colore che anche in questo caso è derivato da vegetali.

Ogni classe ha un proprio colore (e quindi un proprio vegetale) che la identifica, e ogni classe produce dei lavori che regalano magia dello stupore a ogni uscita del tessuto dal pentolone con il colore…

Il mordente utilizzato dai ragazzi per i loro lavori: si tratta di una sostanza per fare "aggrappare" il colore al tessuto

Il mordente utilizzato dai ragazzi per i loro lavori: si tratta di una sostanza per fare “aggrappare” il colore al tessuto

Il pentolone con il colore...

Il pentolone con il colore…

Inizia ad apparire il primo disegno: dove è stato applicato il mordente appare il colore

Inizia ad apparire il primo disegno: dove è stato applicato il mordente appare il colore

I lavori di una mattinata stesi ad asciugare

I lavori di una mattinata stesi ad asciugare

Volete saperne di più? Stiamo programmando un’esposizione dei lavori dei ragazzi che hanno lo scopo di aiutare la villa a rimanere un patrimonio integro per la comunità: a breve vi daremo ulteriori e più dettagliate informazioni perché vi aspettiamo in tanti, tantissimi!

 

Share.

Leave A Reply