Villa Zamboni. Non dimentichiamola

0

E’ finalmente arrivata l’estate e da un po’ non  raccontiamo la nostra villa, con i progetti, i sogni, qualche volta anche le delusioni profonde che la riguardano.  Ci sono anche molte altre storie, tutte interessanti da raccontare e riguardanti Valeggio: ci soffermeremo su alcune di esse, ma villa Zamboni rimane sempre la nostra priorità.

La raccolta fondi è a buon punto: riusciremo a coprire il costo del restauro definitivo del dipinto, ma rimangono scoperte alcune spese sostenute finora. Abbiamo quindi ancora bisogno di tutti voi!

raffronto bis

 

Positiva è anche la messa in sicurezza da parte dell’Amministrazione della zona relativa il giardino pensile che, come si vede dalla foto scattata in marzo di quest’anno, permetteva l’ingresso alle zone esterne del giardino.

Copia di IMG_3854

Le tracce delle merende di chi sostava nel giardino e nella loggia, sono ben visibili anche nella parete della loggia stessa: un biscotto e un graffito. Certamente ragazzate, ma che colpiscono al cuore chi si occupa della salvezza dell’edificio e crede nell’importanza della cura della proprietà pubblica.

Copia di IMG_3847

Tornando al presente: non ci siamo fermati! C’è stato un primo incontro positivo in Soprintendenza per presentare il progetto di restauro del dipinto e non appena l’iter per l’approvazione, che riguarda anche il Comune, sarà concluso, ci troveremo per presentare l’aspetto futuro del soffitto della loggia.

Sicuramente continueranno le visite guidate, anche in estate. Peccato che, dopo il restauro, sia inspiegabilmente negato l’accesso alla loggia, e quindi non si potrà osservare direttamente il lavoro eseguito per la salvezza di questa importante testimonianza settecentesca.

Ma, si sa, la speranza è l’ultima a morire…

Non lasciateci soli! Aspettiamo non solo l’aiuto economico, ma soprattutto il sostegno e il calore che altre volte i cittadini e le cittadine di Valeggio hanno dimostrato per questo lascito che ci riguarda tutti.

A presto!

Share.

Leave A Reply